L’equinozio d’autunno di Jane Austen

Equinozio d'autunno.Romina Angelici17 settembre 1805. Jane Austen e la sorella Cassandra partono per Worthing. È la stessa Jane a raccontare il suo incontro con i Parker, i Denham e con Miss Charlotte Heywood, simpaticamente rinominata “Miss Guance-rosa”. La trentenne Jane si trova così ad approfondire la conoscenza di Mr. Sidney Parker, che, oltre a costituire un’inaspettata svolta in un soggiorno che rischiava di essere troppo monotono, si rivela un gentiluomo affascinante e divertente. I segni dell’interesse di lui sono chiari ma Jane teme che Sidney non sia del tutto libero, perché già legato a un’altra…
Equinozio d’autunno apre la serie “I diari segreti di Jane Austen” e racconta della nascita del romanzo Sanditon, rimasto incompiuto.

Il 17 settembre 1805 Jane Austen e Cassandra partirono, con il fratello Edward e la moglie Elizabeth, per Worthing dove li aspettavano la madre e Martha Lloyd e dove restarono fino ai primi di novembre, mentre la famiglia di Edward si fermò solo per qualche giorno.

Una delle possibili località balneari sulla costa che si nasconderebbe dietro al nome fittizio di Sanditon (cui è intitolato il romanzo lasciato incompiuto da Jane Austen alla sua morte avvenuta nel 1817), potrebbe essere proprio Worthing (anche se Mr Parker la cita tra quelle a cui Sanditon sarebbe superiore).

In questo racconto dal titolo Equinozio d’autunno ho immaginato che proprio il soggiorno a Worthing abbia offerto a Jane Austen materia e spunto per scrivere Sanditon, dopo aver raccontato al diario l’avventura sentimentale vissuta in poco più di un mese. (Romina Angelici)

Come il sole nel suo moto apparente incontra l’equatore celeste nell’equinozio, così Jane incontra l’uomo che potrebbe cambiare il corso della sua vita… Conosciamo tutti il finale, purtroppo, ma si può sognare anche di un amore discreto e riservato.

Questa voce è stata pubblicata in Collane, Fabula, Recensioni e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.